Oslavia giardino del Collio

Oslavia è la nostra casa. Paese di centocinquanta abitanti posto sulle propaggini orientali del Collio. Oslavia è un nome che evoca sentimenti contrastanti, conosciuto per la spietata crudeltà della Grande Guerra e per il nettare di Bacco, il vino.

Zona ricca di storia e di storie, all’inizio del paese una scritta in bilingue Oslavia / Oslavje esplicita la presenza della minoranza slovena e la vicinanza con il confine sloveno situato a soli 200 m verso est. L’enogastronomia di questi luoghi ben rappresenta la commistione di culture e di vicende umane.

Salendo la strada la vista è rubata da un monumento imponente in marmo bianco: il Sacrario di Oslavia, voluto da Mussolini in memoria alla miriade di soldati italiani caduti durante la Grande Guerra. Ragazzi privati del loro futuro, mandati al macello, per futili motivi, per conquistare un fazzoletto di terra. Il sacrario custodisce le spoglie di 57.741 soldati italiani morti nelle Battaglie di Gorizia e 540 soldati austro-ungarici. Ogni vespro la campana ‘’chiara’’ rintocca in onore dei caduti.

panoramica-ribolla

Lasciando alle spalle la crudeltà della Grande guerra ci si inebria con l’incantevole paesaggio che si apre davanti agli occhi, il Collio in tutta la sua bellezza. La presenza di numerosi vigneti fa intuire il legame speciale che esiste tra il contadino e la terra, il reciproco rispetto condiviso ormai da secoli.

Il microclima ventilato, l’escursione termica e le adeguate temperature sono l’ideale per la coltivazione della vite, favorita anche dal tipo di terreno, comunemente chiamato ponca. Terreno composto da stratificazioni arenacee e marnose di origine eocenica. La maggior espressione di tale connubio tra persone e natura è sicuramente il vino, rispecchio della passione, della tradizione e della dedizione di numerose generazioni.

La Ribolla Gialla è il vino che più di altri riesce a sintetizzare questo poema. Un calice semplice come la gente e al contempo profondo come la storia di questo angolo d’Italia tra il mare e i monti, sospeso tra passato e futuro, con una forte personalità e individualità che ti affascina di sospiro in sospiro.